immagine in evidenza dell'articolo broker italiani forex con deposito minimoSempre più operatori finanziari e aspiranti tali, cercano broker italiani per il forex con deposito minimo per iniziare a fare trading online. Di cosa si tratta esattamente?

I broker sono, appunto, piattaforme di brokeraggio (intermediari) in grado di mettere gli utenti in contatto con i mercati finanziari. Grazie a queste piattaforme è possibile inviare ordini di mercato e realizzare eseguiti liberamente, in base alle proprie preferenze.

I broker forex, italiani o stranieri che siano, quasi sempre richiedono come prerequisito all’investimento, di versare una una certa  somma di denaro su un conto di negoziazione di proprietà dell’utente stesso.

Questa operazione è da intendersi come deposito e non come pagamento al broker. A tal proposito, quando si parla di “deposito minimo” si fa riferimento alla somma minima che è possibile versare sul conto di trading per iscriversi e iniziare a investire.

Al di sotto di tale soglia non sarà possibile aprire un conto reale presso il broker.

Ma esistono broker italiani per il forex con deposito minimo? Analizziamo la situazione.

Broker forex italiani con deposito minimo: ci sono?

Ci dispiace eventualmente deludere il lettore, ma la risposta è NO. Non esistono al momento broker forex 100% italiani. In base alle approfondite verifiche fatte dal team di Investingoal.it, non ci risulta che intermediari regolamentati abbiano sedi o origini italiane.

Quindi la domanda sorge spontanea: questo comporta problemi per gli utenti desiderosi di fare trading dall’Italia? Per fortuna, anche qui la risposta è negativa. Chi desidera investire sui mercati finanziari nel nostro Paese è libero di farlo, anche online, attraverso piattaforme di brokeraggio autorizzate.

Se infatti non esistono broker italiani, ovvero appartenenti a società registrate e costituite in Italia, ciò non significa che non vi siano broker nati da società straniere che non offrano servizi legali, sicuri e affidabili.

Possiamo affermare questo con certezza perché, in molti anni di analisi e studi in questo settore, abbiamo incontrato molti intermediari validi che operano legalmente su territorio italiano, pur non avendo una società qui registrata.

Noi stessi utilizziamo brokers ECN e/o Market Makers che riteniamo affidabili perché in Italia godono del benestare e delle licenze ufficiali della maggiore autorità nostrana che si occupa di  tutela dei mercati e degli investitori: la Consob.

Chi è e che ruolo svolge la Consob?

La Consob può rendere un broker “italiano”, in che senso? Significa che dopo i dovuti e approfonditi controlli, se la Consob offre parere positivo, significa che il broker è pienamente conforme alle leggi e normative sui mercati. Non solo quelle italiane, ma anche europee.

La Consob (Commissione nazionale per le società e la Borsa) è un organismo nazionale, rigoroso e molto duro nei controlli. Solo gli intermediari approvati Consob alla fine vengono autorizzati ad offrire servizi finanziari a clienti residenti in Italia.

Questo ente ha creato un documento costantemente aggiornato dove sono presenti tutte le società che hanno autorizzazione, in quanto rispettose delle norme. Questo documento è chiamato: “Elenco delle imprese di investimento autorizzate in altri stati UE senza succursale in Italia”.

I 3 migliori broker forex Consob con deposito minimo

I broker per il forex autorizzati Consob in Italia sono in numero abbastanza corposo. Tuttavia, i migliori intermediari con deposito minimo che operano in Italia possono essere ridotti a solo 3.

Parliamo dell’eccellenza assoluta nel settore, come confermano decine di recensioni positive riportate da altri utenti. Riassumiamo qui brevemente i loro servizi e offerta. Ricordiamo che non sono broker italiani, ma perfettamente autorizzati ad offrire i loro servizi in Italia.

Broker con deposito minimo: eToro

  • Licenza Consob: 10033275 del 14/04/2010
  • Broker leader nel Social Trading
  • Deposito minimo per eToro è di 200$
  • Trading forex, CFDs con una piattaforma di trading intuitiva
  • Permette l’acquisto 1:1 di Criptovalute e Azioni all’interno della piattaforma
  • Ha da poco aperto eToroX, una sezione del sito completamente dedicata al trading di criptovalute

Come vediamo, per eToro deposito minimo basso e usabilità sono due aspetti fondamentali dell’offerta.

Prova la piattaforma di eToro!

66% dei conti CFD retail perde denaro

Broker con deposito minimo: Plus500

  • Licenza Consob: 0095903/14 del 12/12/2014
  • Broker che vanta una politica zero costi:
    • No tassa sul deposito
    • No requote
    • No rollover
    • No tassa all’apertura e chiusura delle posizioni
  • Trading su Forex, criptovalute, indici, materie prime
  • Piattaforma di trading semplice e accessibile
  • Il deposito minimo non è previsto

Plus500 non impone un deposito minimo prestabilito. In questo caso, il deposito minimo corrisponde semplicemente al metodo di versamento prescelto dall’utente.

Il metodo di pagamento più conveniente in quest’ottica sono carte di credito e portafogli elettronici (Skrill, Paypal) che consentono un deposito minimo di 100€.

In caso di bonifico bancario il deposito minimo sale a 500€

Prova la piattaforma di Plus500!

76.4% dei conti CFD retail perde denaro

Broker con deposito minimo: FBS

  • Licenza Consob: 0138519/18 del 04/05/2018
  • Broker innovativo con servizio Copy Trading
  • Deposito minimo a partire da 1$
  • Diverse tipologie di conti disponibili
  • FBS broker demo (piattaforma anche versione demo)
  • Servizio di formazione per il trading Forex

Prova la piattaforma di FBS!

74-89% dei conti CFD retail perde denaro

Broker Italiani con deposito minimo: conclusioni

Prima di chiudere vorremmo ricordare che pur non essendo broker italiani quelli qui presentati hanno un servizio in italiano impeccabile.

Il sito, la piattaforma, le risorse formative e tutti gli aspetti del servizio sono ottimizzati per la clientela italiana. Insomma, non si ha alcun tipo di problema linguistico, sebbene le società proprietarie del marchio del broker risiedano all’estero.

Per concludere ricordiamo: non è tanto importante la “nazionalità” dell’intermediario prescelto per investire sul forex quanto la sua qualità del servizio. Per questo invitiamo i lettori a valutare l’offerta dei 3 ottimi intermediari qui presentati.

Nel panorama italiano, non hanno ben pochi competitori validi.