immagine in evidenza dell'articolo petrolio plus500Le materie prime sono da sempre uno degli asset più apprezzati da varie tipologie di investitori, che si tratta di investimenti canonici o trading online.

È possibile, infatti, investire in commodity anche sui migliori broker, come si evince attraverso questa guida sulle opinioni di Plus500, tra le migliori piattaforme a riguardo.

Il petrolio ha un ruolo molto importante per gli investimenti, essendo un asset molto amato ma che bisogna conoscere bene per investirci in maniera consona.

Plus500 offre molto opzioni per investire in petrolio, come per esempio i CFD, con i quali è possibile investire anche al ribasso, così da evitare i problemi connessi alle crisi di settore, che talvolta possono sconvolgere il mercato del petrolio.

Proprio per la complessità che si porta dietro questo asset, presenteremo alcune dritte fondamentali per investire in petrolio su Plus500, senza le quali sarà quasi impossibile trarre de profitti.

Plus500 5 stelle
Plus500 logo
  • Regolamentato: FCA, CySEC, ASIC, MAS, IE Singapore, FMA, SA FSP
  • Piattaforme: Proprietary
  • Deposito Min: $100
Plus500 logo
  • Regolamentato: FCA, CySEC, ASIC, MAS, IE Singapore, FMA, SA FSP
  • Piattaforme: Proprietary
  • Deposito Min: $100
(Il 80.5% dei conti retail CFD perde soldi)

Investire in Petrolio su Plus500: 5 dritte fondamentali da conoscere

Come qualsiasi per qualsiasi altro asset, investire in petrolio obbliga l’investitore a conoscere alcune regole generali prima di avventurarsi in un qualsiasi investimento.

Questa guida offre delle dritte utilissime soprattutto per i principianti del settore, ai quali potrebbero sfuggire anche cose di assoluta importanza per quanto semplici, magari considerate ovvie dai professionisti.

Si tratta di regole generali che da sole non esauriscono di certo un argomento complesso come solo il petrolio sa essere, tuttavia è una buona base a chi vuole scoprire questo settore in ogni suo aspetto.

Conoscere il tipo di asset su cui investiamo

Questa è la prima cosa da tenere a mente e vale per qualsiasi forma di investimento: conoscere qual è l’asset su cui stiamo investendo i nostri risparmi, in questo caso il petrolio, e quali possibilità offre.

Il petrolio è quella che viene chiamata commodity, ossia materia prima, e presenta molti modi di investimento ad essa connessa.

In primis, si può investire direttamente su una società che si occupa di petrolio, come ad esempio l’ENI, acquistando le sue azioni.

È possibile anche investire semplicemente sul petrolio come materia prima in sé, anche utilizzando strumenti derivati come le Opzioni o i Futures.

Ci sono poi gli ETF riguardanti il petrolio, come ad esempio l’USO (United States Oil Fund) oppure l’UCO (il fondo di investimento del magnate Bloomberg).

Conoscere tutte queste possibilità è il primo passo per investire in petrolio, poiché ognuna presenta delle particolarità e può essere più adatta in un dato periodo, meno in un altro.

Conoscere l’offerta di Plus500

Altra cosa molto importante è conoscere cosa offre la piattaforma di investimento, in questo caso Plus500.

L’offerta di Plus500 prevede la possibilità di investire con un particolare strumento derivato chiamato CFD, contratto per differenza.

Questo strumento permette di investire anche al ribasso, poiché stiamo di fatto speculando sulle oscillazioni prodotte da questo asset, senza acquistarne le azioni.

Si tratta di uno strumento molto utile quando accadono crisi di settore, a cui il petrolio è abbastanza incline, così da non rimanere investiti da depressioni economiche o trend ribassisti più o meno lunghi.

È uno strumento molto importante per gli utenti che usano questa piattaforma: a tal proposito può essere utile approfondire le opinioni su Plus500, per scoprire altri dettagli utili su questo broker.

Studiare l’asset e capirne i processi produttivi

Collegato al primo punto, ogni trader che voglia investire sul petrolio dovrà conoscere in maniera dettagliata tutte le particolarità di questo asset.

Tutto può influire sull’andamento finanziario del petrolio: dov’è estratto, come è trattato e da chi, quali sono le regole internazionali per il trattamento del petrolio; ognuna di queste informazioni può essere determinante per i nostri investimenti, dunque mai sottovalutare questi aspetti.

Le regole di leva finanziaria su Plus500

La leva finanziaria non è uno strumento come tutti gli altri, perciò merita un’attenzione specifica. Soprattutto vanno conosciute le regole applicate da Plus500 a riguardo.

Su questo broker la leva finanziaria è bloccata, in accordo con le direttive dell’ESMA, il maggior ente regolatore a livello europeo.

Questo vuol dire che non può essere alzata oltre il limite consentito per legge, il che è un’ottima notizia per i principianti, ai quali la leva può procurare più complicazione che altro.

Sulle materie prime, quindi anche il petrolio, la leva massima consentita da Plus500 è di 10:1. Se si decidesse d’ investire attraverso fondi di investimento interessati al petrolio, la leva massima sarebbe di 5:1.

Ovviamente questo discorso si può estendere a qualsiasi asset, ognuno con il proprio livello di leva fisso al massimo previsto dal MIFiD II.

Tutto ciò è fatto soprattutto per proteggere gli utenti dai grossi rischi connessi alla leva finanziaria, strumento molto utile tra mani esperte, ma potenzialmente distruttivo per un trader alle primissime armi.

Conoscere la geopolitica e l’attualità

Molti asset sono fortemente influenzati dalle vicende geopolitiche, soprattutto il petrolio, da sempre al centro di molte questioni tra stati e non solo.

Conoscere le situazioni geopolitiche vuol dire prevedere l’andamento del petrolio. Un focus particolare meritano le situazioni di alcuni paesi medio-orientali, tra i primi produttori di petrolio, e soprattutto la situazione statunitense, paese da sempre invischiato in faccende del genere.

Ovviamente sono tantissimi gli attori con una grossa parte nei giochi geopolitici riguardanti il petrolio, ma conoscerne le manovre principali è molto importante per prevedere l’andamento di questo asset.

Investire in petrolio attraverso Plus500: conclusioni generali

Come già accennato in precedenza, questo sono dritte molto utili, tuttavia l’argomento è molto vasto e non risolvibili in poche righe.

Lo stesso broker va studiato in maniera più approfondita, magari attraverso Plus500 opinioni, poiché è importante conoscere ogni dettaglio sulla piattaforma che andiamo ad utilizzare.

In generale, il trading online tutto merita uno studio corposo di tutte le sue caratteristiche e particolarità per essere approcciato nel modo migliore, limitando così i rischi, che pure sono sempre presenti.

Plus500 5 stelle
Plus500 logo
  • Regolamentato: FCA, CySEC, ASIC, MAS, IE Singapore, FMA, SA FSP
  • Piattaforme: Proprietary
  • Deposito Min: $100
Plus500 logo
  • Regolamentato: FCA, CySEC, ASIC, MAS, IE Singapore, FMA, SA FSP
  • Piattaforme: Proprietary
  • Deposito Min: $100
(Il 80.5% dei conti retail CFD perde soldi)