immagine di copertina dell'articolo xtrade deposito minimoSe si cova l’intenzione di iniziare una propria esperienza nel settore degli investimenti online, allora informarsi sulla convenienza o meno dei depositi minimi delle piattaforme è d’obbligo.

Per questo motivo andremo ad analizzare la convenienza del deposito minimo xTrade.

Solo un folle, infatti, penserebbe mai di iniziare a fare trading online depositando immediatamente tutto il proprio capitale su una piattaforma, a scatola chiusa.

Se si è alle prime armi la cosa più prudente è aprire innanzitutto un Account Demo e, successivamente, partire da uno reale depositando il minimo capitale richiesto.

Con questa premessa, analizzare quali forex broker appaiono più affidabili o sono caratterizzati dall’offerta migliore è il secondo passo fondamentale: il deposito minimo è solo uno degli aspetti, e nemmeno il più rilevante, specialmente se si considera che a disparità di cifre richieste non corrisponde una simile disparità nell’offerta. Ce ne si può rendere conto analizzando il deposito minimo etoro.

Xtrade: non accetta italiani?

Si tratta di una contraddizione abbastanza palese: andando ad aprire la pagina di xTrade, gli utenti possono immediatamente notare un pop-up che afferma: “Xtrade non accetta trader di ogni Paese (Italy)”. Un controsenso visto che la pagina (Xtrade.it) è ottimizzata per gli utenti italiani.

Contattando l’Assistenza Clienti del broker, si viene reindirizzati verso un’altra piattaforma, OffersFX, un broker posseduto dal marchio xTrade. Nelle info relative alla pagina del broker, infatti, è riportato che il vecchio nome della piattaforma era xTrade Europe.

xTrade Europe era una piattaforma registrata alla CONSOB (n.10065910 del 27/07/2010). Il servizio di Assistenza Clienti, inoltre, ha affermato che OffersFX è un broker CySEC autorizzato CONSOB con il numero 0096369/13. Andando a controllare, il numero che ci è stato comunicato, tuttavia, corrisponde a xTrade e OffersFX non è presente nel documento della CONSOB.

La licenza CySEC di OffersFX è 108/10, al quale corrisponde la compagnia xTrade Europe Ltd.

Come si può vedere, si tratta di una rete particolarmente intricata che non aiuta di certo a stabilire se si tratti di una piattaforma affidabile o meno. Il fatto che OffersFX offra anche conti segregati (ammesso che sia vero) non aiuta nella decisione e, alla fin fine, l’utente resta comunque indeciso tra una delle due opzioni:

  1. OffersFX non è affidabile e ha qualcosa da nascondere, in quanto la licenza CONSOB non la menziona minimamente;
  2. OffersFX è una piattaforma affidabile ma curata decisamente male, che non avvantaggia per niente l’utente;

Del resto, perché mai se ci si connette da IP italiano, il sito di xTrade non rimanda direttamente alla piattaforma OffersFX?

L’offerta di OffersFX: pro e contro

Andiamo ad analizzare adesso l’offerta di deposito minimo di OffersFX.

La prima cosa che si nota è che bisogna rinunciare del tutto alla promessa di un deposito minimo di 100€ che caratterizzava xTrade. Il deposito minimo di OffersFX, infatti, parte da 200€, ma vediamo nel dettaglio le offerte:

OffersFX Standard Account

L’Account Standard prevede un deposito minimo di 200€ ma senza commissioni né su depositi né su ritiri. Ovviamente la banca con la quale si effettua l’operazione potrebbe prevederne, quindi è bene informarsi in merito.

Le operazioni prevedono un Spread fisso a partire da 5pips (un costo a nostro avviso esorbitante).

OffersFX Premium Account

L’Account Premium prevede un deposito minimo a partire da 1000€ e uno Spread fisso a partire da 3 pips. Come l’Account Standard non sono previste commissioni su depositi o prelievi.

OffersFX Platinum Account

L’Account Platino prevede un deposito minimo di 5000€ e uno Spread fisso a partire da 3 pips.

OffersFX VIP Account

L’Account VIP prevede un deposito minimo di 25000€ e uno Spread fisso a partire da 2 pips.

Per un utente un broker disporre di uno uno Spread fisso è un’arma a doppio taglio: particolarmente vantaggioso nel caso di Spread bassi, ovvero inferiori a 5 pips, va a favorire un’operatività sul lungo periodo, per le quali la differenza tra domanda e offerta può risultare anche particolarmente pronunciata.

La politica del broker di impostare uno Spread fisso a 5 pips per l’Account Standard, non risulta essere affatto una decisione competitiva: ad esempio le offerte relative ai depositi minimi di broker come eToro mostrano come vi sia assolutamente di meglio sul mercato.

In conclusione

In conclusione, per quanto lo Spread fisso offerto da OffersFX resti comunque un’offerta più vantaggiosa per i principianti rispetto al trading a zero Spread offerto dalla maggior parte degli ecn brokers, resta comunque da sconsigliare.

Non soltanto, infatti, il deposito minimo non è quello annunciato (200€ di OffersFX contro i 100 promessi da xTrade), ma la natura stessa della piattaforma è avvolta da una preoccupante nube di incertezza: in definitiva mancano i dati sicuri per stabilire se si tratti o meno di un broker affidabile.

A prescindere da questo, lo Spread fisso a 5 pips per l’Account Standard non è un’offerta che agevola i principianti: la decisione della piattaforma di impostare Spread minimi decrescenti all’aumentare del deposito minimo va chiaramente a spingere a favore di account più impegnativi.

Volendo essere positivi si può affermare in definitiva che l’offerta di OffersFX non è vantaggiosa per i principianti e che potrebbe essere presa in considerazione da parte dei professionisti.

Ma si tratta di un discorso ipotetico e discutere delle piattaforme migliori per i professionisti necessita di uno spazio apposito.