Cos'è la protezione dal saldo negativo nel trading?

logomark sozo_client_94fd82 calendar Ultimo Aggiornamento: July 2022 timer 10 min lettura

In InvestinGoal seguiamo degli standard rigorosi per garantire un processo di valutazione imparziale. Realizziamo le nostre recensioni esaminando l'offerta e le prestazioni di ogni broker attraverso 4 categorie chiave. La valutazione finale di ogni broker viene elaborata sulla base di un totale di 187 parametri. Scopri di più sui nostri processi e metodologie di valutazione.

In questo articolo andremo a spiegare tutto ciò che c’è da sapere sulla protezione del saldo negativo.

Parleremo sia della definizione, sia sul perché sia stata resa obbligatoria, come funziona e perché è importante.

Elenco dei contenuti

Cos’è la protezione saldo negativo?

La protezione dal saldo negativo è un servizio obbligatorio in Europa per i broker forex e CFD, che impone agli intermediari di proteggere i propri trader dal perdere più denaro di quanto depositato sul conto.

I broker si assicurano che i trader non perdano più di quanto investito principalmente attraverso la chiamata di margine, che consiste nella chiusura automatica delle posizioni di trading aperte se la equity del trader scende sotto un certo livello.

Se il mercato invece subisce un forte scossone che farebbe andare il conto del trader in negativo, e il broker non fa in tempo ad attuare la chiamata di margine, esso farà andare il conto del trader a zero e coprirà il resto delle perdite di tasca propria.

Perché la protezione dal saldo negativo è obbligatoria?

La Protezione dal saldo negativo è stata resa obbligatoria dal 2018 dopo che nel 2011 la Banca Centrale Svizzera smise di supportare la sua politica del cambio fisso EUR/CHF che portò molti trader a subire ingenti perdite e, in alcuni casi, indebitarsi.

Questa politica era stata portata avanti per mesi, e la stessa BCS aveva assicurato il mercato che avrebbero continuato a supportarla.

Il cambio doveva essere fisso a 1.20, quindi i trader forex, rassicurati sulla stabilità del Franco Svizzero, aprivano posizioni long o short sulla coppia EUR/CHF a seconda del livello di prezzo: se superiore aprivano posizioni long, mentre se inferiore aprivano posizioni short.

Quando la Banca Centrale Svizzera smise di tenere il cambio fisso, il valore del Franco subì un crollo repentino che fece andare in negativo i conti di molti investitori che erano andati long, e fece allo stesso tempo fallire numerosi broker che offrivano servizi di trading.

Da allora l’ente per il monitoraggio dei mercati finanziari europei, l’ESMA, ha lavorato alla norma MiFID II che aveva come obiettivo quello di proteggere i trader e rendere il mercato del trading più sicuro anche per i broker stessi.

Tra le norme emesse dal MiFID II possiamo trovare la protezione dal saldo negativo che ad oggi ogni broker forex europeo è obbligato ad offrire ai propri traders.

I migliori broker italiani, possedendo una licenza Consob e facendo parte dell’area di influenza dell’ESMA, offrono la protezione dal saldo negativo a tutti i propri clienti.

Quando la Protezione dal saldo negativo non è obbligatoria

La protezione dal saldo negativo non è obbligatoria in tre casi:

  • Quando il trader è un professionista
  • Quando il broker non offre derivati
  • Quando si fa trading in alcune regolamentazioni

Un utente che raggiunge requisiti per essere considerato un trader professionista, e che una volta raggiunti ne fa richiesta al broker, guadagna alcuni servizi ma perde alcuni diritti tra cui la protezione del saldo negativo.

Un trader può richiedere lo status di professionista se raggiunge almeno 2 dei seguenti requisiti:

  • Ha un’esperienza di almeno un anno nel mondo del forex/CFD (o mercati simili)
  • Ha aperto almeno 10 posizioni di trading di volume considerevole per trimestre nell’ultimo anno
  • Ha un portafoglio finanziario di valore superiore a 500.000€

Tuttavia, ciò non significa che i broker non possano comunque offrire la protezione dal saldo negativo sui conti per professionisti. L’unica cosa che cambia è che va a discrezione del broker.

Il secondo caso in cui non è obbligatoria, è se il broker non offre trading sui derivati. I broker azionari come DEGIRO, ad esempio, non offrono la protezione dal saldo negativo perché non offrendo derivati o trading con la leva, non c’è modo di perdere più di quanto investito. Di conseguenza, la protezione dal saldo negativo non è necessaria.

Visita Degiro
(Investire comporta il rischio di perdere denaro)

L’ultimo caso in cui non è obbligatoria, è quando la regolamentazione presso cui è iscritto il broker o una filiale del broker, non prevede l’obbligatorietà della stessa.

Infatti in Europa il trading è un’attività altamente regolamentata, ma così non è in altre parti del mondo.

Nella maggior parte delle filiali no ESMA dei broker (ad eccezione di alcune realtà come Regno Unito o Australia) non è obbligatoria, e a causa dell’alta leva finanziaria concessa ai trader, è facilmente possibile perdere più di quanto investito.

Come funziona la protezione dal saldo negativo?

La protezione dal saldo negativo viene attuata tramite la chiamata di margine nei casi più comuni, mentre nei casi più gravi con un’intervento in prima persona del broker atto a coprire le perdite del trader.

Quando si parla di chiamata di margine, si intende una chiusura automatica delle posizioni di trading, quando queste rischiano di far andare il conto del trader in negativo.

Ci sono delle situazioni, tuttavia, dove il broker non è in grado di chiudere le posizioni di trading abbastanza velocemente, e quindi il trader in una situazione normale si troverebbe con il conto in negativo.

Ad esempio:

Se il trader ha depositato $1000 sul suo conto, ha aperto una posizione long di $300 con leva 1:10, e l’asset su cui ha investito perde il 50% del suo valore, il trader ha perso $1500 (il 50% di 300 moltiplicato per 10 dalla leva).

Senza protezione del saldo negativo, il trader si troverebbe il conto in rosso con -$500. Con la protezione invece, il conto andrebbe a zero, e il broker coprirebbe i $500 di tasca propria evitando quindi che il trader si indebiti.


Autore del post

Filippo Ucchino

Co-Fondatore - CEO - Broker Expert

Filippo è il co-fondatore e amministratore di InvestinGoal.it. Ha 15 anni di esperienza nel settore finanziario e forex in particolare. Ha iniziato la sua carriera come forex trader nel 2005, per poi interessarsi a tutto il settore Fintech e Crypto in generale.

Con il tempo ha sviluppato un approccio quasi scientifico all’analisi dei broker, dei loro servizi e delle loro offerte. Inoltre, è un esperto delle Politiche di Compliance e Sicurezza per la tutela dei consumatori in questo settore.

Con InvestinGoal l’obiettivo di Filippo è di portare quanta più chiarezza possibile per aiutare gli utenti a navigare il mondo del trading online, del forex e delle criptovalute.

image-banner-example-1024x448
Per rimanere meglio informati

Trova e confronta i migliori
Broker Online per te

Il trading di CFD, FX e criptovalute comporta un alto grado di rischio. Tutti i broker mostrano la percentuale dei conti di investitori retail che perdono denaro quando fanno trading di CFD sulle loro piattaforme. Dovresti considerare se puoi permetterti di correre l’elevato rischio di perdere i tuoi soldi, e sapere che è necessario conoscere il funzionamento di CFD, FX e Criptovalute. Le criptovalute non sono uno strumento adatto a tutti gli investitori in quanto il loro valore è molto volatile. Il trading di criptovalute non è regolamentato da alcun quadro normativo dell'UE. Il tuo capitale è a rischio. La presente pagina è destinata esclusivamente a scopo didattico. Non deve essere intesa come consulenza operativa per gli investimenti, né come invito alla raccolta del pubblico risparmio. Qualsiasi risultato reale o simulato non costituisce garanzia di possibili risultati futuri. L'attività speculativa nel mercato forex, così come in altri mercati, comporta notevoli rischi economici; chiunque svolga attività speculativa lo fa sotto la propria responsabilità.
INFORMATIVA SULLA PUBBLICITÀ: InvestinGoal è completamente gratuito per tutti. Sebbene potremmo ricevere delle commissioni da alcuni dei broker che segnaliamo, questo non influisce sulla qualità delle nostre recensioni o delle nostre classifiche, che sono redatte in completa indipendenza e obiettività, seguendo una metodologia imparziale. Aiutaci a continuare a fornire le migliori recensioni gratuite di broker aprendo il tuo conto seguendo i nostri link. Leggi la nostra Informativa sulla Pubblicità per saperne di più.
Copyright © 2022 – Tutti i diritti riservati. / Privacy e Cookie Policy / Termini di Utilizzo / Avvertenza Sui Rischi / Sitemap